Argomentare è diabolico

16,00

IN LIBRERIA DAL 9 MARZO

Questo libro tratta di artifici retorici per chiunque voglia difendersi da finzioni e fallacie, ma anche per coloro che le vogliano usare (anche se confidiamo di persuaderli a non farlo). Col definitivo affermarsi dei Social network come forma privilegiata di comunicazione, lo scambio e la dialettica si vanno inclinando e trasformando proprio in relazione al mezzo, e ogni disputa o conversazione che emerge, a disposizione di una sempre più vasta platea, è analizzabile nei suoi valori di verità, finzione, deviazione, e riconoscibile nelle sue forme tossiche, ricorrenti e contagiose.
Ecco perché avere i giusti mezzi per analizzare l’immensa quantità di narrazioni che quotidianamente ci troviamo davanti è non solo utile, ma in qualche modo vitale. Ed ecco perché in coda al libro c’è anche un comodo prontuario riassuntivo, da consultare ogni qualvolta se ne senta l’urgenza.

Ma allora quante sono le percezioni errate? Quanto influiscono su scelte e opinioni? E quanto possono essere indotte da una comunicazione calcolata, non bugiarda ma scorretta?

In politica e in comunicazione non si viola l’ottavo comandamento, nessuno (o quasi) dice falsa testimonianza eppure molto spesso non c’è verità: l’inganno è solo slittato dalla bugia a un labirinto dialettico in cui l’ascoltatore si perde, smarrisce la logica e segue l’istinto, rimbalzando da un passaggio all’altro senza capire dove si trovi, né dove si trovi la società.

COD: 9791280263285 Categorie: , Tag:

Descrizione

di Roberta Covelli (Autore)
Effequ, 2022

Questo libro tratta di artifici retorici per chiunque voglia difendersi da finzioni e fallacie, ma anche per coloro che le vogliano usare (anche se confidiamo di persuaderli a non farlo). Col definitivo affermarsi dei Social network come forma privilegiata di comunicazione, lo scambio e la dialettica si vanno inclinando e trasformando proprio in relazione al mezzo, e ogni disputa o conversazione che emerge, a disposizione di una sempre più vasta platea, è analizzabile nei suoi valori di verità, finzione, deviazione, e riconoscibile nelle sue forme tossiche, ricorrenti e contagiose.
Ecco perché avere i giusti mezzi per analizzare l’immensa quantità di narrazioni che quotidianamente ci troviamo davanti è non solo utile, ma in qualche modo vitale. Ed ecco perché in coda al libro c’è anche un comodo prontuario riassuntivo, da consultare ogni qualvolta se ne senta l’urgenza.

Ma allora quante sono le percezioni errate? Quanto influiscono su scelte e opinioni? E quanto possono essere indotte da una comunicazione calcolata, non bugiarda ma scorretta?

In politica e in comunicazione non si viola l’ottavo comandamento, nessuno (o quasi) dice falsa testimonianza eppure molto spesso non c’è verità: l’inganno è solo slittato dalla bugia a un labirinto dialettico in cui l’ascoltatore si perde, smarrisce la logica e segue l’istinto, rimbalzando da un passaggio all’altro senza capire dove si trovi, né dove si trovi la società.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Argomentare è diabolico”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.