Codex Seraphinianus

85,00

Nel 1976 in una stanza di via Sant’Andrea delle Fratte a Roma, con un gatto accoccolato sulle sue spalle “forse a dettarmi tutto” Luigi Serafini iniziò a disegnare il Codex Seraphinianus, considerato oggi il volume più strano al mondo.

Un libro “dove l’anatomico e il meccanico si scambiano le loro morfologie… dove il vegetale si sposa al merceologico, lo zoologico al minerale… così il cementizio e il geologico, l’araldico e il tecnologico, il selvaggio e il metropolitano, lo scritto e il vivente.” Italo Calvino

Macchine surreali, metamorfosi animali e vegetali, una sequenza di invenzioni colorate commentate da una scrittura immaginaria, il “Codex Seraphinianu”s è un libro di culto, un codice miniato visionario e misterioso pubblicato originariamente nel 1981 da Franco Maria Ricci, che continua da anni ad affascinarci per la sua capacità di rivelazione. Apprezzato da storici e critici dell’arte come Federico Zeri e Vittorio Sgarbi, il “Codex” ripercorre in chiave utopica e fantastica tutti i campi dello scibile, dalla zoologia alla botanica, dalla mineralogia all’etnografia, dalla fisica alla tecnologia: uomini tenaglia, amanti-coccodrillo, uova che volano, alberi capovolti. Quest’anno, 32 anni dopo la prima edizione, Rizzoli pubblica una nuova edizione dell’opera in due versioni, trade e deluxe, arricchite da nuove tavole appositamente disegnate dall’autore e dal testo di Italo Calvino che introduceva la prima edizione.

Esaurito

COD: 9788817068888 Categorie: , ,

Descrizione

Nel 1976 in una stanza di via Sant’Andrea delle Fratte a Roma, con un gatto accoccolato sulle sue spalle “forse a dettarmi tutto” Luigi Serafini iniziò a disegnare il Codex Seraphinianus, considerato oggi il volume più strano al mondo.

Un libro “dove l’anatomico e il meccanico si scambiano le loro morfologie… dove il vegetale si sposa al merceologico, lo zoologico al minerale… così il cementizio e il geologico, l’araldico e il tecnologico, il selvaggio e il metropolitano, lo scritto e il vivente.” Italo Calvino

Macchine surreali, metamorfosi animali e vegetali, una sequenza di invenzioni colorate commentate da una scrittura immaginaria, il “Codex Seraphinianu”s è un libro di culto, un codice miniato visionario e misterioso pubblicato originariamente nel 1981 da Franco Maria Ricci, che continua da anni ad affascinarci per la sua capacità di rivelazione. Apprezzato da storici e critici dell’arte come Federico Zeri e Vittorio Sgarbi, il “Codex” ripercorre in chiave utopica e fantastica tutti i campi dello scibile, dalla zoologia alla botanica, dalla mineralogia all’etnografia, dalla fisica alla tecnologia: uomini tenaglia, amanti-coccodrillo, uova che volano, alberi capovolti. Quest’anno, 32 anni dopo la prima edizione, Rizzoli pubblica una nuova edizione dell’opera in due versioni, trade e deluxe, arricchite da nuove tavole appositamente disegnate dall’autore e dal testo di Italo Calvino che introduceva la prima edizione.

Informazioni aggiuntive

Titolo

Codex Seraphinianus

Autore

Luigi Serafini

Editore/Marca

BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

ISBN

9788817068888

Anno di pubblicazione

2019

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Codex Seraphinianus”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.