Ritratto dell’artista da morto (Germania ’41 – Argentina ’78)

10,00

di Davide Carnevali (Autore)
Einaudi, 2022

Ritratto dell’artista da morto è stato messo in scena dall’autore alla Staatsoper Unter den Linden di Berlino, in coproduzione con la Musiktheater Biennale 2018 di Monaco di Baviera.

Un giovane attore riceve la convocazione di un tribunale argentino: l’appartamento di cui sarebbe erede, acquistato da uno sconosciuto parente nel 1978, risulta espropriato a un musicista desaparecido durante la dittatura militare. La lettera è il punto di partenza per un viaggio prima a Buenos Aires e poi a Córdoba, lungo il quale il protagonista intraprende una ricerca a ritroso nel tempo, tentando di fare luce su un passato che si rivela, al contrario, sempre piú oscuro, tra un groviglio di varianti onomastiche che non gli consentono mai di capire se i personaggi che insegue, a partire dal proprio parente, siano reali o costruzioni fittizie. Seguendo il filo di una serie di misteri, arriva a scoprire che il musicista, al momento della sparizione, stava lavorando sulle partiture incomplete di un compositore ebreo, di cui si erano perse le tracce nel 1941 a Berlino. Ci addentriamo cosí in un labirinto di episodi biografici che si intersecano inesorabilmente con i grandi eventi storici del Novecento; fatti che hanno aperto, nei paesi vittime delle barbarie fasciste, ferite non ancora rimarginate. Davide Carnevali è oggi una delle voci piú importanti della drammaturgia italiana. Il suo teatro racchiude un nucleo fortemente politico, nell’indagare la storia, l’identità e il linguaggio di un’Europa che vive attualmente uno dei momenti piú critici della sua esistenza.

Esaurito

COD: 9788806252403 Categoria: Tag:

Descrizione

di Davide Carnevali (Autore)
Einaudi, 2022

Ritratto dell’artista da morto è stato messo in scena dall’autore alla Staatsoper Unter den Linden di Berlino, in coproduzione con la Musiktheater Biennale 2018 di Monaco di Baviera.

Un giovane attore riceve la convocazione di un tribunale argentino: l’appartamento di cui sarebbe erede, acquistato da uno sconosciuto parente nel 1978, risulta espropriato a un musicista desaparecido durante la dittatura militare. La lettera è il punto di partenza per un viaggio prima a Buenos Aires e poi a Córdoba, lungo il quale il protagonista intraprende una ricerca a ritroso nel tempo, tentando di fare luce su un passato che si rivela, al contrario, sempre piú oscuro, tra un groviglio di varianti onomastiche che non gli consentono mai di capire se i personaggi che insegue, a partire dal proprio parente, siano reali o costruzioni fittizie. Seguendo il filo di una serie di misteri, arriva a scoprire che il musicista, al momento della sparizione, stava lavorando sulle partiture incomplete di un compositore ebreo, di cui si erano perse le tracce nel 1941 a Berlino. Ci addentriamo cosí in un labirinto di episodi biografici che si intersecano inesorabilmente con i grandi eventi storici del Novecento; fatti che hanno aperto, nei paesi vittime delle barbarie fasciste, ferite non ancora rimarginate. Davide Carnevali è oggi una delle voci piú importanti della drammaturgia italiana. Il suo teatro racchiude un nucleo fortemente politico, nell’indagare la storia, l’identità e il linguaggio di un’Europa che vive attualmente uno dei momenti piú critici della sua esistenza.

Informazioni aggiuntive

Titolo

Ritratto dell'artista da morto (Germania '41 – Argentina '78)

ISBN

9788806252403

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ritratto dell’artista da morto (Germania ’41 – Argentina ’78)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.